Il cloro in acqua, pesticidi e allergia alimentare che causa gli alimenti Pico


 I

Gli scienziati hanno studiato più di 10.000 persone che hanno partecipato al sondaggio nazionale di Salute e Nutrizione tra il 2005 e il 2006. Essi hanno scoperto che le persone con più alta concentrazione di un sottoprodotto di cloro (dichlorophenols) nelle urine avevano anche il più alto rischio di allergie alimentari.

I

"Alti livelli di urina dichlorophenols sono associati alla presenza di una sensibilizzazione agli alimenti in una popolazione degli Stati Uniti", hanno detto. "L'abuso di dichlorophenols può contribuire alla crescente incidenza delle allergie alimentari nelle società occidentalizzate".

I 

Molte comunità usano il cloro per il trattamento di acqua di rubinetto, e la maggior parte degli americani ottenere la loro acqua potabile da un rubinetto. Ma questa non è l'unica fonte. I pesticidi utilizzati in agricoltura sono anche una grande fonte di cloro. Così grande, infatti, i ricercatori dire che questo di cloro può avere un impatto maggiore di cloro nell'acqua potabile. Il cloro si trova nei pesticidi probabilmente aiuta causare numerosi effetti negativi sulla salute dei pesticidi.

I

"(Studi precedenti) hanno dimostrato che entrambe le allergie alimentari e l'inquinamento ambientale sono in aumento negli Stati Uniti, (e) i risultati del nostro studio suggeriscono che queste due tendenze possono essere correlati, e che l'aumento pesticidi e altre sostanze chimiche è associato ad una maggiore prevalenza di allergie alimentari ", hanno scritto i ricercatori.

I

Che cosa questo significa per voi, il consumatore? Significa che avete la responsabilità di proteggere voi stessi ei vostri bambini da esposizione al cloro. Se si beve l'acqua del rubinetto, investire in un filtro per l'acqua per l'alta qualità, come ad esempio un filtro per l'acqua ad osmosi inversa. Inoltre, scegliere più alimenti biologici convenzionali per evitare pesticidi che contengono cloro - questo è particolarmente vero per frutta e verdura.

I

Fonti aggiuntive:

I

WebMD

I

American Academy of Allergy, Asthma, and Immunology

I

Daily Mail



Lascia un commento